News

Ingegneria chimica

Classe L 9
Anno di attivazione 2008
Facoltà di INGEGNERIA
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Presidenza
Preside Prof. Vitale CARDONE
tel. 089 964029
fax 089 964343
presidenza.ingegneria@unisa.it
Sito Web della facoltà
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Area Didattica
Ingegneria chimica
Presidente Prof. Giuseppe TITOMANLIO
tel. 089964220
fax 089964343
gtitomanlio@unisa.it
Sito Web dell’area didattica
Manager Didattico Eugenio Meloni
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Obiettivi del corso di laurea
Il Corso è la trasformazione del precedente Corso di laurea in Ingegneria chimica, attuata in applicazione del DM 270/2004.
Il Corso di laurea ha per obiettivo fornire una preparazione solida e vasta e una formazione interdisciplinare che consente un immediato inserimento professionale: il laureato sarà capace di affrontare gran parte delle problematiche che si possono presentare in aziende di ogni dimensione e di varia natura e di interagire con tutte le figure presenti in azienda.
L’ingegnere chimico di primo livello diporrà di conoscenze di base da approfondire e aggiornare e sarà capace di utilizzare tecniche e strumenti per la progettazione di base e la verifica di apparecchiature, impianti e di processi; condurre l’installazione ed il collaudo di macchinari ed impianti; curare la gestione della produzione, la manutenzione, il controllo di qualità; impostare e progettare una sperimentazione, nonché analizzare ed interpretare dati sperimentali, limitatamente ai casi di minore complessità operativa.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Requisiti per l’accesso
Diploma di scuola secondaria superiore o altro titolo di studio conseguito all’estero riconosciuto idoneo. Per l’accesso al Corso di laurea è richisto il possesso di adeguate conoscenze di base pre-universitarie e di un livello minimo di conoscenza della lingua inglse. La verifica avviene attraverso un test di accesso obbligatorio consistente in quesiti a risposte multiple, in elaborazioni logiche ed in esercizi; il test contiene anche una sezione per l’accertamento della conoscenza della lingua inglese.
Nel caso che l’esito del test di accesso sia fortemente negativo, lo studente potrà differire la sua immatricolazione e frequentare corsi di recupero che consistono in attività frontali per il riepilogo di conoscenze di logica, comprensione del linguaggio, matematica, fisica ed informatica.
Informazioni si possono trovare alla pagina Documenti utili del sito web della Facoltà di Ingegneria ( http://www.ingegneria.unisa.it/Didattica/documenti/documenti.php).
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Sbocchi professionali
Recenti statistiche nazionali pongono l’ingegnere chimico ai primi posti tra i laureati per percentuale di occupazione e per occupazione stabile. Un’indagine sulla collocazione dei laureati in Ingegneria chimica a Salerno ha dato risultati del tutto simili a quelli nazionali. Il motivo di tale successo è la preparazione polivalente dell’ingegnere chimico, che gli consente di ricoprire diversi ruoli, all’interno di aziende grandi e piccole. In particolare, oltre che nelle società di ingegneria per la progettazione e la realizzazione di impianti, il laureato può inseririsi soprattutto nell’industria di processo nei settori: chimica, petrolchimica ed energetica; chimica fine e farmaceutica; fertilizzanti, vernici, pigmenti e inchiostri; polimeri, materie plastiche, resine e materiali compositi; gomma e derivati; carta, saponi, detergenti, profumi e cosmetici; fibre artificiali e sintetiche, film polimerici; derivati del legno, concia delle pelli, cementi e altri leganti.
Significative prospettive occupazionali riguardano anche altri settori di più recente sviluppo: combustibili ed esplosivi; biotecnologie; design; elettronica; materiali avanzati; ambiente e sicurezza della salute; industrie alimentari.
In tutti questi settori l’ingegnere chimico può svolgere funzioni diversificate, fino ai gradi più elevati di responsabilità: ingegnere di processo, di impianto, del controllo di qualità o di ricerca e sviluppo; responsabile per la sicurezza o la prevenzione ambientale; referente del prodotto o della produzione; attività di coordinamento e commerciali. È inoltre possibile per l’ingegnere chimico svolgere la libera professione come consulente e/o progettista.