News

Filologia, Letterature e Storia Dell’Antichità

Classe LM 15
Anno di attivazione 2008
Facoltà di LETTERE E FILOSOFIA
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Presidenza
Preside Prof. Maria GALANTE
tel. 089 969340
fax 089 969614
presideletfil@unisa.it
Sito Web della facoltà
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Area Didattica
Discipline letterarie e dei Beni culturali
Presidente Prof. Antonio PIETROPAOLI
tel. 089 962125
fax 089 962125
apietropaoli@unisa.it
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Obiettivi del corso di laurea
Il Corso fornisce una preparazione approfondita, anche di tipo metodologico e critico-teorico, nel campo delle scienze filologiche e storiche. I laureati magistrali dovranno possedere i fondamenti della conoscenza teorica del linguaggio, una competenza specialistica delle lingue e letterature della classicità e del periodo tardo-antico, e dovranno essere in grado di utilizzare in maniera adeguata i principali strumenti informatici e della comunicazione telematica (repertori e banche dati, digitalizzazione di testi e manoscritti). Il laureato magistrale è una figura professionale rivolta sia al lavoro autonomo sia a quello dipendente nei settori dell’istruzione, della ricerca scientifica, dell’informazione, dell’editoria, della catalogazione e conservazione di documenti, della comunicazione e dell’uso delle nuove tecnologie. Il Corso prevede due percorsi distinti, uno filologico letterario e l’altro storico. Il primo percorso è destinato al potenziamento delle competenze di tipo filologico, linguistico e storico-letterario negli ambiti della costituzione, esegesi e interpretazione dei testi classici. Il secondo è pensato per chi voglia specializzarsi nello studio e nell’analisi dei documenti su cui si fonda la ricostruzione della storia antica.
Entrambi i percorsi prevedono un tirocinio obbligatorio di II anno.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Requisiti per l’accesso
Per accedere al Corso gli studenti devono essere in possesso di conoscenze specifiche nei settori disciplinari filologico-letterari, linguistici, storico-artistici e geografici. Possono accedere i laureati della classe di laurea triennale in Lettere (Classe 5 e L 10) che abbiano acquisito 60 cfu nei seguenti settori disciplinari: L-ANT/02, L-ANT/03, L-FIL-LET/02, L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/05, L-FIL-LET/10, L-FIL-LET/12, L-FIL-LET/13 L-LIN/01, M-STO/01, M-STO/02, M-STO/04, di cui almeno 24 in discipline filologico-linguistico-storico-letterarie (L-FIL-LET/02, L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/05, L-ANT/02, L-ANT/03).
Sono inoltre ammessi i laureati provenienti da corsi di laurea di altre classi che abbiano acquisito 90 crediti formativi nei seguenti settori disciplinari: L-ANT/02, L-ANT/03, L-FIL-LET/02, L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/05, L-FIL-LET/07, L-FIL-LET/10, L-FIL-LET/12, L-FIL-LET/13, L-LIN/01, L-LIN/04, L-LIN/12, M-GGR/01, L-ANT/05, L-ANT/07, M-STO/01, M-STO/02, M-STO/04, di cui almeno 32 in discipline filologico-linguistico-storico-letterarie (L-FIL-LET/02, L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/05, L-ANT/02, L-ANT/03).
Sono, infine, ammessi i titolari della laurea quadriennale in Lettere, di diploma o di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo purché abbiano acquisito analogamente 90 crediti attraverso il riconoscimento di insegnamenti superati nel precedente Ordinamento o attraverso la convalida di equipollenze.
Si ritiene adeguata la preparazione individuale dello studente che abbia raggiunto nel precedente Corso di caurea una votazione media ponderata di 26 su 30. In caso di media inferiore, l’adeguatezza della preparazione sarà accertata attraverso un colloquio che valuti le conoscenze nelle discipline filologico-lettererarie e storiche del mondo antico.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Sbocchi professionali
Lo sbocco occupazionale primario offerto dalla Laurea magistrale in Filologia, letterature e storia dell’Antichità è quello dell’insegnamento nella scuola secondaria di II grado. I laureati magistrali possono svolgere funzioni di elevata responsabilità anche in istituzioni culturali, organismi e unità di studio presso enti ed istituzioni, pubbliche e private, sia italiane che straniere, istituti di cultura e di ricerca, nell’editoria specifica ed in quella connessa alla diffusione dell’informazione e della cultura storica e letteraria.