News

Filologia Moderna

Classe LM 14
Anno di attivazione 2009
Facoltà di LETTERE E FILOSOFIA
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Presidenza
Preside Prof. Maria GALANTE
tel. 089 969340
fax 089 969614
presideletfil@unisa.it
Sito Web della facoltà
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Area Didattica
Discipline letterarie e dei Beni culturali
Presidente Prof. Antonio PIETROPAOLI
tel. 089 962125
fax 089 962125
apietropaoli@unisa.it
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Obiettivi del corso di laurea
Il Corso si propone di formare un intellettuale in grado di operare nei settori della ricerca, elaborazione e diffusione dei prodotti culturali, sulla base di specifiche conoscenze scientifico-disciplinari nei campi della letteratura, storia, geografia e filologia. Ne deriva un profilo professionale che corrisponde, oltre che alla prioritaria figura del docente di materie letterarie nelle scuole di ogni ordine e grado, anche a un operatore culturale di alto livello e di elevate capacità “imprenditoriali” nel campo della gestione, organizzazione e comunicazione di eventi culturali. Il laureato magistrale in Filologia moderna è una figura professionale polivalente, rivolta sia al lavoro autonomo sia a quello dipendente nei settoridell’istruzione, informazione, comunicazione e nuove tecnologie.
Il Corso prevede un unico percorso formativo ed è strutturato nelle sue linee essenziali intorno ad alcune aree disciplinari fondamentali quali le filologie e le didattiche (della letteratura italiana, della lingua italiana e della lingua latina), le letterature straniere (inglese e francese), e ancora le etterature e le storie.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Requisiti per l’accesso
Per l’accesso al Corso gli studenti devono essere possedere conoscenze specifiche nei settori disciplinari filologico-letterari, linguistici, storico-artistici e geografici. Possono accedere al Corso i laureati della classe di laurea in Lettere (classe 5 e L10) che abbiano acquisito 60 cfu nei seguenti SSD: L-FIL-LET/09, L-FIL-LET/10, L-FIL-LET/11, L-FIL-LET/12, L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/13, L-FIL-LET/14, L-LIN/01, L-ANT/03, L-ART/01, L-ART/02, L-ART/03, M-GGR/01, M-STO/01, M-STO/02, M-STO/04, di cui almeno 24 in discipline filologico-linguistico-storico-letterarie (L-FIL-LET/09, L-FIL-LET/10, M-STO/01, M-STO/02, M-STO/04, L-FIL-LET/12).
Sono inoltre ammessi i laureati di altre classi che abbiano acquisito 90 cfu nei seguenti settori: L-FIL-LET/09, L-FIL-LET/10, L-FIL-LET/11, L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/12, L-FIL-LET/13, L-FIL-LET/14, L-ANT/03, L-LIN/01, L-LIN/04, L-LIN/12, M-GGR/01, L-ART/01, L-ART/02, L-ART/03, M-STO/01, M-STO/02, M-STO/04, di cui almeno 32 in discipline filologico-linguistico-storico-letterarie (L-FIL-LET/09, L-FIL-LET/10, M-STO/01, M-STO/02, M-STO/04, L-FIL-LET/12). Sono, infine, ammessi i titolari della laurea quadriennale in Lettere, di diploma o di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo purché abbiano acquisito analogamente 90 crediti attraverso il riconoscimento di insegnamenti superati nel precedente Ordinamento o attraverso la convalida di equipollenze.
Si ritiene adeguata la preparazione individuale dello studente che abbia raggiunto nel precedente Corso di laurea una votazione media ponderata di 26 su 30. In caso di media inferiore, l’adeguatezza della preparazione sarà accertata attraverso un colloquio che valuti le conoscenze nelle discipline filologico-letterarie e storiche dell’età moderna e contemporanea.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Sbocchi professionali
Il laureato magistrale potrà essere impiegato in un ampio ventaglio di settori inerenti al mondo della cultura. Il settore dell’istruzione pubblica e privata resta sempre il primo e più naturale sbocco per i laureati magistrali, ma la formazione qualificata consente anche di svolgere funzioni di elevata responsabilità in settori relativi alla organizzazione, divulgazione e promozione di prodotti e beni culturali. Altri sbocchi occupazionali possono essere previsti nell’industria della cultura in generale, in istituzioni specifiche quali centri culturali, agenzie letterarie, fondazioni, enti e istituti sia privati che pubblici, e comunque impegnati nella promozione e gestione dei prodotti e delle risorse culturali presenti sul territorio.