News

Lingue e Letterature Moderne

Classe LM 37
Anno di attivazione 2009
Facoltà di LINGUE E LETTERATURE STRANIERE
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Presidenza
Preside Prof. Ileana PAGANI
fax 089 963140
preslingue@unisa.it
Sito Web della facoltà
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Area Didattica
Lingue e letterature straniere
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Obiettivi del corso di laurea
Accanto ad una base comune volta a far acquisire agli studenti competenze avanzate nel campo delle lingue e delle culture dei paesi europei, americani e postcoloniali, il Corso prevede un’articolazione in tre diversi percorsi formativi che perseguono obiettivi specifici:
1) Curriculum Letterature moderne: fornisce una qualificata competenza filologica, critica, storico-letteraria; la conoscenza approfondita delle tecniche relative agli studi letterari e all’analisi testuale; la capacità di comprensione e descrizione delle dinamiche in ambito culturale e linguistico; la capacità di progettare percorsi educativi per l’apprendimento delle letterature straniere e per l’interazione tra didattica linguistica e letteraria
2) Curiculum Linguistica e didattica delle lingue: fornisce la conoscenza degli strumenti linguistici e metodologici necessari per operare nel campo delle scienze linguistiche, della didattica delle lingue e dell’educazione linguistica permanente
3) Curriculum Lingue per le professioni: fornisce la capacità di utilizzare le competenze linguistiche in settori industriali, commerciali ed amministrativi caratterizzati da rapporti con interlocutori internazionali, con riferimento in particolare al comparto turistico, alle dinamiche imprenditoriali orientate all’internazionalizzazione e all’ambito della cooperazione internazionale.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Requisiti per l’accesso
Per iscriversi al Corso di laurea magistrale è richiesto il possesso del diploma di laurea, o di altro titolo estero equipollente. Sono richiesti inoltre i seguenti requisiti:
A) Requisiti curricolari
Chi intende iscriversi al Corso deve possedere:
1. un alto livello di competenza sia scritta che orale (livello B2/C1 secondo i descrittori del Quadro Comune di Riferimento del Consiglio d’Europa) e approfondite capacità di riflessione metalinguistica nelle due lingue straniere che saranno oggetto di studio nel Corso di laurea magistrale. Queste competenze e capacità vengono ritenute acquisite dallo studente che abbia seguito nella precedente carriera un corso triennale nelle due lingue straniere, maturando un numero minimo di almeno 22 CFU per ciascuna lingua straniera (Settori scientifico-disciplinari L-LIN/04; L-LIN/07; L-LIN/09; L-LIN/12; L-LIN/14; L-LIN/21).
2. una conoscenza complessiva della o delle letterature straniere che saranno oggetto di studio nel Corso di laurea magistrale, e la capacità di lettura, traduzione e commento dei testi che di tali letterature sono riconosciuti come più significativi (così come dettagliatamente indicato nella Guida dello studente). Queste conoscenze e competenze vengono ritenute acquisite dallo studente che abbia seguito nella precedente carriera un corso triennale nella letteratura o nelle letterature straniere che saranno oggetto di studio nel Corso di laurea magistrale, maturando un numero minimo di almeno 22 CFU per ciascuna letteratura straniera (Settori scientifico-disciplinari L-LIN/03, L-LIN/05, L-LIN/08, L-LIN/10, L-LIN/13, L-LIN/21).
Gli studenti che non abbiamo maturato il numero richiesto di crediti nei settori relativi alle letterature straniere (L-LIN/03, L-LIN/05, L-LIN/08, L-LIN/10, L-LIN/13, L-LIN/21) possono dimostrare di possedere le conoscenze e competenze corrispondenti superando una specifica prova di verifica, la cui consistenza è proporzionale al numero di crediti mancanti.
B) Personale preparazione dello studente
La personale preparazione dello studente viene verificata valutando la sua precedente carriera universitaria; viene considerato in possesso di adeguata preparazione personale, e può quindi iscriversi al Corso di laurea magistrale, lo studente che ha conseguito il titolo di laurea con un voto pari o superiore a 105 o con media ponderata degli esami sostenuti pari o superiore a 26,5.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Sbocchi professionali
Le competenze acquisite permetteranno ai laureati di questo corso magistrale di muoversi in ambiti professionali sia tradizionali che innovativi, con funzioni di elevata responsabilità e in particolare di operare come esperti avanzati di lingua, letteratura e cultura negli istituti di cooperazione culturale internazionale, nelle istituzioni italiane all’estero e nelle rappresentanze diplomatiche e consolari (nel campo dell’insegnamento e della diffusione dell’italiano all’estero); di insegnare le lingue, le culture e le letterature straniere nelle scuole e negli istituti italiani di primo e secondo grado (previa abilitazione all’insegnamento in base alle disposizioni ministeriali) e in istituzioni estere deputate all’insegnamento della lingua italiana; di svolgere compiti altamente qualificati nell’industria editoriale, negli enti finalizzati alla promozione culturale, in archivi, biblioteche, sovrintendenze, centri culturali, redazioni scientifiche; di esercitare funzioni di esperti linguistici di livello avanzato in settori professionali caratterizzati da interazioni con interlocutori internazionali; di proseguire gli studi universitari accedendo a dottorati di ricerca e di svolgere attività di ricerca scientifica di livello avanzato nel campo degli studi linguistici e letterari.
I laureati magistrali potranno inoltre svolgere il ruolo di consulenti linguistici nei settori dei servizi turistici e della comunicazione multimediale; mediatori interculturali in enti pubblici; collaboratori alla progettazione di applicazioni informatiche alle scienze umane(costituzione di archivi, banche-dati, consulenza linguistica nella gestione di siti Internet, traduzione automatica, software per la elaborazione di dati linguistici, per l’analisi e la sintesi linguistica nell’interazione uomo-computer, per l’e-learning delle lingue); consulenti per la tutela dei dialetti, delle lingue minoritarie e delle lingue immigrate; consulenti nella ricerca medica (logopedia, audiologia, rieducazione della parola, neurolinguistica).