News

Scienze del Governo e dell’Amministrazione

Classe LM 63
Anno di attivazione 2009
Facoltà di SCIENZE POLITICHE
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Presidenza
Preside Prof. Adalgiso AMENDOLA
tel. 089 962709
fax 089 963151
preside.scienzepolitiche@unisa.it
Sito Web della facoltà
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Area Didattica
Scienze del governo
Presidente Prof. Luigi PRIMICERIO
tel. 089 963398
fax 089 963151
spolit@unisa.it
Sito Web dell’area didattica
Manager Didattico Francesco Paolo VOLPE
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Obiettivi del corso di laurea
Il Corso si propone la formazione di specialisti dei problemi di governo, amministrazione e gestione delle Amministrazioni pubbliche e delle organizzazioni complesse private, pubbliche e pubblico-private, con elevate competenze economiche, giuridiche, politico-istituzionali, organizzativo-gestionali e statistiche.
Attraverso percorsi di natura interdisciplinare mirati all’acquisizione di competenze, sia teoriche che applicative, lo specialista sarà in grado di
assicurare l’efficienza e l’efficacia dell’azione dell’ente di appartenenza nella prospettiva del miglioramento continuo della qualità; affrontare le procedure di selezione proprie delle P.A.; progettare azioni amministrative complesse; verificare e controllare i risultati raggiunti dall’ente di appartenenza; rinvenire i punti di forza e di debolezza delle politiche e delle azioni adottate, anche in rapporto con le esigenze e le aspettative del territorio e dell’utenza.
Obiettivo finale è favorire l’accesso a posizioni direttive e dirigenziali, nella prospettiva del “total quality management”, nella P.A., nelle imprese e nelle associazioni che cooperano con la P.A.; posizioni di consulente nella PA, nelle ONG (del terzo settore e del volontariato), nelle associazioni rappresentative di interessi ed in generale negli enti che si occupano a vario titolo di politiche pubbliche.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Requisiti per l’accesso
Per essere ammessi al Corso di laurea magistrale occorre essere in possesso di un diploma di laurea triennale o quadriennale, ovvero di altro titolo estero riconosciuto idoeneo. Le conoscenze occorrenti per l’ammissione sono quelle acquisite di norma con la laurea in Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione (classi 19 e L16) e, in particolare, conoscenze di base nei seguenti Settori scientifico-disciplinari: 1) diritto pubblico (IUS/08, IUS/09, IUS/10, IUS/21); 2)economia (SECS-P/01, SECS-P/02, SECS-P/03, SECS-P/10); 3) diritto privato (IUS/01, IUS/04, IUS/07); 4)statistica (SECS-S/01, SECS-S/03, SECS-S/04); 5) scienza politica e/o sociologia (SPS/03, SPS/04, SPS/07, SPS/09, SPS/11); 6) almeno una lingua dell’Unione europea.
Per coloro che siano in possesso di un diploma di laurea triennale, è richiesto un numero minimo di 5 crediti per ogni settore scientifico-disciplinare con un minimo complessivo di 35 CFU per i settori sopra elencati.
La mancanza di questi requisiti curriculari, purché in non più di uno dei sei raggruppamenti di settori sopra indicati, può essere colmata attraverso il superamento della prova di accesso indicata al punto seguente.
Requisiti di personale preparazione
Per quanto riguarda l’adeguatezza della personale preparazione dello studente, essa verrà accertata mediante una prova di accesso consistente in un elaborato scritto, anche a test, integrato, in caso di esito negativo, da una prova orale.
La prova di accesso non è richiesta agli studenti iscritti a Corsi di laurea magistrale della classe LM 63 provenienti da altri Atenei, agli studenti provenienti da Corsi di laurea maguistrale di altre classi e per agli studenti iscritti al Corso di laurea specialistica in Scienza dell’amministrazione e dell’organizzazione (classe 71 S), a condizione che abbiano sostenuto gli esami richiesti per l’accesso alla Corso di laurea magistrale della classe LM 63.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Sbocchi professionali
La laurea magistrale è progettata per formare personale in grado di assumere elevate responsabilità e di coordinare progetti di rilevante complessità:
in tutte le articolazioni dell’Amministrazione pubblica; nelle imprese pubbliche, private e pubblico-private dei servizi pubblici; nelle organizzazioni non profit; nelle autorità di controllo e di auditing pubblico; nelle società di consulenza; nelle agenzie di valutazione.