News

Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali

Classe L 36
Anno di attivazione 2008
Facoltà di SCIENZE POLITICHE
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Presidenza
Preside Prof. Adalgiso AMENDOLA
tel. 089 962709
fax 089 963151
preside.scienzepolitiche@unisa.it
Sito Web della facoltà
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Area Didattica
Scienze politiche
Presidente Prof. Luigino ROSSI
tel. 089963396
fax 089 963151
lrossi@unisa.it
Sito Web dell’area didattica
Manager Didattico Francesco Paolo VOLPE
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Obiettivi del corso di laurea
Il Corso di laurea si propone di fornire una preparazione di base nei settori delle scienze storiche, giuridiche, economiche, politologiche, sociali e linguistiche, al fine di formare figure professionali spendibili nella Pubblica amministrazione e nelle imprese private. Particolare attenzione è riservata alla qualificazione di operatori ed esperti nel campo delle organizzazioni internazionali; per questa ragione si tende a favorire un’adeguata conoscenza di due lingue straniere.
Pur confermando l’impostazione generale di tipo multidisciplinare, la scelta di uno tra i tre curricula previsti (Relazioni internazioni, Politica e storia, Economia e politiche per lo sviluppo) consente di caratterizzare il percorso formativo privilegiando più specificamente alcuni dei settori disciplinari proposti, in modo funzionale ad un’eventuale ulteriore fase di studio (laurea magistrale e/o master universitario di primo livello).
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Requisiti per l’accesso
Requisito necessario per accedere al Corso di laurea è il possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quinquennale ovvero di altro titolo conseguito all’estero, riconosciuto idoneo. Inoltre, si richiedono una buona formazione culturale di base, con particolare riguardo alle conoscenze linguistiche, ed uno standard adeguato di capacità di comprensione e composizione del testo.
Il possesso da parte dello studente delle conoscenze di base necessarie per intraprendere gli studi sarà rilevata mediante un test di accesso obbligatorio; l’eventuale accertamento di insufficienze non impedisce l’iscrizione, ma comporta la frequenza di corsi propedeutici e integrativi, da svolgersi nel corso del primo anno.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Sbocchi professionali
La formazione proposta è mirata a trovare collocazione in amministrazioni, enti, organizzazioni pubbliche centrali e locali, sovranazionali ed internazionali, organizzazioni non governative e del terzo settore, imprese e organizzazioni private nazionali e multinazionali; in particolare, i laureati potranno operare presso enti pubblici con funzione di studio e programmazione economica, istituti di credito, camere di commercio, aziende private. Potranno, inoltre, svolgere assistenza per le attività di sviluppo delle strutture pubbliche e private nei settori ove sia richiesta la capacità di partecipare attivamente alla gestione di strumenti e metodologie di coordinamento in prospettiva internazionale.