News

Lettere

La Facoltà di Lettere dell’Università “Suor Orsola Benincasa” di Napoli si presenta come comunità di formazione e di ricerca del tutto originale rispetto al quadro delle facoltà simili nell’università italiana. Si tratta di un centro di formazione particolarmente attento all’eccellenza, alla qualità della sua offerta didattica, del suo lavoro di ricerca, del suo legame col territorio, del rapporto del lavoro comune fra studenti e docenti.

La Facoltà conta da sempre su un consistente numero di docenti a contratto, provenienti da molti Atenei italiani ma anche dall’Amministrazione dello Stato, in particolare dal settore dei beni culturali, e ancora dalle professioni private, scelti sulla base di un criterio di riconosciuta qualità e di competenza specifica, in materie talora davvero difficilmente reperibili fra quelle insegnate tradizionalmente nelle facoltà di lettere. E tuttavia ha anche un organico di docenti strutturati in continua crescita, che funge anche da tessuto connettivo per l’organizzazione dei vari Corsi di Laurea e da coagulo per l’attività di ricerca, ben testimoniata nelle sue diverse facce dall’esistenza di una rivista di storia dell’arte, “Confronto”, da una collana di pubblicazioni di ambito archeologico e sui beni culturali, “Quaderni della ricerca scientifica”, e da una serie di “Annali”, tutti pubblicati a cura e col sostegno finanziario dell’Università, nonché dalla partecipazione attiva dei docenti a iniziative convegnistiche ed espositive in tutto il mondo.

Caratteristica precipua, in particolare del Corso di Laurea triennale in Conservazione dei Beni Culturali -nei suoi vari indirizzi e percorsi- e le magistrali in Archeologia e scienze dell’antichità e del Medioevo e in Storia dell’arte e conservazione del patrimonio storico artistico, è la stretta unità fra il momento appunto della ricerca e quello della didattica, che si realizza in particolar modo nelle attività di laboratorio, di scavo, di cantiere, di lavoro sul territorio, ma anche in quella di tirocini formativi e di stages.

Anche il Corso di Laurea triennale in Lingue e culture moderne ha una connotazione propria: punta sulla acquisizione di forti competenze linguistiche in almeno due lingue europee. Affianca, inoltre, un percorso formativo aperto alle discipline artistico culturali e storiche, con laboratori ed esercitazioni a completamento delle lezioni frontali. Il percorso triennale si completa con un biennio in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale. La magistrale prepara gli studenti all’accesso ai percorsi per l’insegnamento (per entrambe le lingue straniere di studio).

L’offerta formativa si completa con la Laurea triennale in Turismo per i Beni culturali, che offre un percorso composito e vario per formare specialisti nel settore della valorizzazione e promozione del turismo culturale. Un percorso che risponde ad una particolare esigenza dei territori campani e meridionali, ricchi di un patrimonio culturale che deve tradursi in un’offerta turistica all’avanguardia.

Un ultimo tassello aggiuntivo, ma di grande importanza, al quadro di formazione permanente e di lungo respiro, di formazione insieme teorica e pratica, è l’offerta continua, al di là della didattica prevista negli ordinamenti, di occasioni di “alta formazione”: una serie molto consistente di iniziative, convegni seminari, cicli di conferenze, che gli studenti hanno la possibilità di seguire e spesso di inserire nel loro percorso didattico e fra i propri crediti liberi, tutti concepiti con l’intento di metterli a contatto con realtà didattiche, di ricerca o professionali molto specifiche e di elevato profilo.

sito: http://www.unisob.na.it/universita/facolta/lettere/index.htm?vr=1