News

Scienze del servizio sociale

Il Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale (Classe L 39 Classe delle lauree in Servizio Sociale) si pone l’obiettivo di creare un profilo professionale di Assistente sociale con forti caratteri innovativi rispetto al sistema integrato dei servizi sociali. Tenendo fermi gli obiettivi qualificanti stabiliti dalla nuova normativa universitaria in una prospettiva di armonizzazione a livello europeo (Sistema dei descrittori di Dublino), il laureato in Scienze del servizio sociale sarà in grado di assolvere il suo compito garantendo l’intervento dei servizi sociali operanti nelle amministrazioni competenti in vista della realizzazione dei fini sociali dell’eguaglianza dei cittadini, operando a rimuovere gli ostacoli che a tali fini si frappongono.

Il percorso progettato per il laureato in Scienze del Servizio Sociale intende formare un profilo di assistente sociale professionale in grado di organizzare relazioni di aiuto da parte dei servizi sociali in particolar modo negli enti pubblici (ai vari livelli territoriali e nei vari ambiti).

A tal fine il percorso prevede attenzione ai diversi contributi delle scienze umane e sociali con un approfondimento nel campo degli studi tecnico-professionali (Principi, Metodi e Tecniche, Politica del servizio sociale). I corsi di Economia e di Diritto forniranno al laureato gli strumenti teorici per la comprensione della società e degli agenti che in essa si muovono.

Il percorso si svolgerà attraverso una forte integrazione della teoria e della pratica mediante il lavoro di uno staff di tutors permanentemente raccordato con il lavoro delle istituzioni e delle associazioni territoriali per permettere agli studenti di acquisire la capacità di comprensione applicata, di sviluppare autonomia di giudizio, abilità organizzative (lavoro di gruppo) secondo un approccio professionale al loro lavoro.

Il laureato in Servizio sociale avrà – al termine del corso triennale – acquisito un bagaglio di conoscenze, apprese in sede teorica e di studio individuale e di gruppo per le discipline di base e teorico-culturali, ed acquisite con prove attitudinali e verifiche esperenziali per le aree tecnico-professionali. L’apprendimento è verificato attraverso esami finali e colloqui, nonché con prove pratiche individuali e di gruppo disseminate nel coso del triennio.

Una parte del percorso formativo sarà dedicata al tirocinio da svolgere per un periodo corrispondente ad almeno 18 cfu presso enti ed amministrazioni pubbliche, o imprese ed enti privati e/o di privato sociale. Saranno privilegiati i tirocini che permettano di realizzare esperienze ed interventi diretti in ambiti innovativi e in enti che siano in grado di proporre buone pratiche.

Il tirocinio previsto permetterà agli studenti di instaurare un rapporto importante con il mondo del lavoro ed in particolare con gli enti pubblici e del privato sociale.