News

Relazioni e Politiche Internazionali

Anno accademico: 2009-2010
Corso di laurea magistrale: Relazioni e Politiche Internazionali
Classe ministeriale: LM-52 (Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali)
Anni: 2
CFU: 120
Presidente del Corso di laurea: Prof. Fabio Bettanin

Descrizione degli obiettivi
All’interno della base interdisciplinare comune che contraddistingue il Corso in Relazioni e Politiche Internazionali, l’indicazione di due opzioni offre agli studenti la possibilità di scelta di ambiti disciplinari tale da permettere l’individuazione e l’approfondimento di tematiche fondamentali legate:
a) ai processi di mondializzazione dei diritti;
b) agli sviluppi della mondializzazione della politica e dell’economia.
La prima opzione (mondializzazione e diritti) prevede la possibilità di scegliere una formazione specialistica atta alla ideazione di progetti capaci di intervenire nell’ambito dei diritti fondamentali, di operare nei processi di democratizzazione, nelle strategie di “protezione” delle vittime dei crimini contro l’umanità, nel rafforzamento e ampliamento degli ambiti dei diritti umani. E’ prevista anche una formazione specialistica nel campo dei diritti di genere, idonea a spiegare le ragioni storiche, politiche, economiche e sociali delle disuguaglianze nelle relazioni tra uomini e donne nei diversi paesi, a individuare lo stretto rapporto tra genere e sviluppo, a ideare e rafforzare progetti di gender equality nelle relazioni internazionali.
La seconda opzione (mondializzazione della politica) permette di approfondire la conoscenza di strumenti analitici e critici atti a chiarire i processi intrecciati nelle politiche nazionali e internazionali, a individuare i vari ambiti in cui si focalizza la dimensione internazionale dei fenomeni economici, politici e sociali.

Ai laureati di entrambe le opzioni si richiede di:

  • avere una solida formazione di base e disporre delle conoscenze di livello avanzato necessarie per analizzare, interpretare, valutare e gestire le problematiche connesse all’azione delle organizzazioni operati a livello internazionale, sia private sia pubbliche;
  • possedere conoscenze interdisciplinari tali da consentire di programmare e realizzare strategie operative di elevata complessità, che consentano loro di inserirsi con funzioni di alta responsabilità in imprese e organizzazioni private, o in amministrazioni, enti, organizzazioni operanti a livello internazionale.

A tal fine i percorsi del Corso di laurea prevedono:

  • attività di studio presso università dei paesi europei con le quali l’Orientale ha accordi di collaborazione scientifica;
  • stages formativi, presso organizzazioni pubbliche e private operanti a livello internazionale.