News

Scienze delle Attività Motorie Preventive ed Adattative

Informazioni Generali

Classe  76/S

Facoltà di afferenza Facoltà di Scienze Motorie

Presidente del Consiglio di Coordinamento didattico del corso di Studio in “Scienze Motorie”

Prof. ssa  Maria Ferrara

Docenti di riferimento:

Prof.Sorrentino Giuseppe

Prof. Liguori Giorgio

Prof. Soricelli Andrea

Struttura del Corso

Il corso di laurea specialistica in Scienze delle Attività Motorie Preventive e Adattative ha durata biennale  e prevede corsi finalizzati, nel primo anno, alla descrizione ed alla comprensione delle compromissioni a carico dei principali apparati, e nel secondo anno, all’individuazione delle principali metodologie di erogazione delle attività motorie utili ai fini della riabilitazione motoria. Il corso prevede l’approfondimento delle conoscenze attraverso lo svolgimento di un tirocinio pratico e si conclude con una prova finale con l’acquisizione di 120 CFU. Il corso è a numero programmato e l’accesso al corso avviene a seguito di apposita selezione, il cui bando è pubblicato all’Albo della Facoltà e sulle pagine web della stessa.

Obiettivi Qualificanti

Il percorso di studi è finalizzato alla formazione interdisciplinare di esperti delle diverse tipologie di attività fisica che, attraverso una partecipazione organizzata, hanno come obiettivi il raggiungimento, il mantenimento e il ripristino del benessere psico–fisico, l’espressione e il miglioramento degli stili di vita, lo sviluppo delle relazioni sociali e l’ottenimento di prestazioni gratificanti o competitive. Il laureato in Scienze delle Attività Motorie Preventive ed Adattative è un esperto delle diverse tipologie di attività fisica e motoria, psico-motoria e di sport amatoriale e scolastico. In particolar modo ha specifiche competenze in:

  • prevenzione, mantenimento, e rieducazione della capacità motoria conseguente ad eventi patologici, nonché interventi di sostegno e di recupero dell’efficienza sportiva;
  • promozione dello sviluppo della salute per bambini giovani adulti ed anziani;
  • organizzazione di attività ludico-motorie, espressive e sportive in contesti di disagio personale e sociale.