News

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Il servizio: progetti, scopi e obiettivi

Al fine di garantire il diritto allo studio, attraverso servizi qualificati e rispondenti alle loro esigenze, e in ottemperanza di quanto disposto dalla legge 28 gennaio 1999, n. 17 “Integrazione e modifica della Legge-quadro 5 febbraio 1992, n. 104, per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone disabili”, l’Università degli Studi di Napoli “Parthenope” ha individuato un proprio Delegato per le disabilità e predisposto l’attivazione di un apposito “Servizio Studenti Disabili”, mentre le Facoltà hanno nominato un Referente degli Studenti Disabili iscritti ai propri Corsi di Laurea.
Prime linee del “Progetto Disabili di Ateneo”

La presenza nelle Università di studenti diversamente abili, con diverse tipologie di disabilità e diverse percentuali di invalidità, è un dato di fatto destinato a crescere. Ad un primo periodo di interventi sporadici dettati più dalla necessità di far fronte ad esigenze del momento, sulla base dell’esperienza acquisita sul campo e dopo l’emanazione della Legge n. 17/1999, l’impegno dell’Ateneo nei confronti degli studenti disabili si è fatto più intenso e sistematico.
Sulla base di tale esperienza è in elaborazione un organico “Progetto Disabili di Ateneo” da sottoporre agli Organi Accademici. Principio base è l’integrazione degli studenti diversamente abili in tutti i momenti della vita universitaria, siano essi didattici e formativi, siano essi meramente sociali e di convivenza nell’Università, al fine della propria realizzazione secondo le proprie potenzialità. Un sereno e positivo inserimento nell’ambiente in cui si vive e si studia, grazie anche alla partecipazione attiva, è per qualsiasi studente un’esperienza irripetibile che viene a far parte del proprio patrimonio culturale ed emotivo.
L’integrazione dei disabili in ambito universitario solleva sostanzialmente due ordini di problemi:

  • l’abbattimento delle barriere architettoniche le cui problematiche costituiscono oggetto di studio di apposite e qualificate strutture amministrative,
  • l’esercizio del diritto allo studio comprensivo di attrezzature tecniche, sussidi didattici, forme individuali o collettive di ausilio tecnico-funzionale, sostegno didattico attraverso idonee forme di tutoraggio e di produzione e adattamento di specifico materiale didattico e così via.

Tra i temi del Progetto, inoltre, va citata l’”Educazione Sportiva” che offre valenze terapeutiche e benefici sociali, migliora le autonomie, insegna il rispetto delle regole, potenzia le capacità residue e accresce l’autostima. Si ritiene, infatti, che l’attività sportiva sia un potente mezzo di integrazione sociale per tutti gli individui e contribuisca a rafforzare l’identità di ogni studente.
Il Servizio Studenti Disabili

Il servizio ha, così, lo scopo di garantire agli studenti diversamente abili pari opportunità nell’affrontare gli studi e vivere pienamente l’esperienza universitaria, grazie all’avvio di un progetto di progressiva eliminazione delle barriere architettoniche che prevede la rilevazione degli edifici non facilmente accessibili e l’individuazione di idonee soluzioni con priorità per le situazioni maggiormente problematiche, nonché di quelle didattiche grazie al riconoscimento di particolari agevolazioni contributive e di diretti sostegni alla persona. Azioni concrete, già in atto, destinate progressivamente ad arricchirsi e ad affinarsi.

Tra gli obiettivi, in primo luogo, va quindi posto lo stabilire e mantenere un contatto diretto con i singoli interessati, in modo che gli interventi avvengano in relazione alle esigenze personali, dipendenti dalla tipologia e dal grado di disabilità, e siano mirati e messi a punto in base a conoscenze dirette di casi concreti. In secondo luogo, oltre alla predisposizione di servizi comuni utili, come quelli relativi all’informativa e non solo in ambito universitario, e di mobilità nell’ambito degli esistenti programmi di scambio, vanno posti la facilità di accesso e l’uso di apparecchiature e servizi informatici. Ultimi, ma non per questo meno importanti, sono l’organizzazione dei servizi di assistenza previsti per l’integrazione dei diversamente abili, grazie all’aiuto di collaboratori volontari e studenti part-time nella rimozione di ostacoli di natura culturale o fisica o psicologica che possono impedire la piena partecipazione alla vita universitaria, ed il mantenimento dei rapporti con le strutture ed il corpo docente che vuole costruire una nuova cultura della disabilità nell’ambito universitario.

Servizio Studenti Disabili
Via Amm. F. Acton, 38 – 80133 Napoli (NA)
II piano Palazzina Spagnola
Dott.ssa Margherita Zeno
Tel.: 081 5475197
E-mail: [v] servizio.disabili@uniparthenope.it

sito: http://www.handy.uniparthenope.it